Agricoltura
Typography

“Si tratta di un ulteriore strumento che dà corpo e sostanza finanziaria al fondo costruito in fase di assestamento di bilancio in Consiglio regionale

che ha aperto anche alla discussione con l'UE per il regime de minimis, che si aggancia tecnicamente allo stanziamento di 100mila euro, primo step propedeutico ad avviare la moratoria di mutui e crediti bancari. Ora va dato corso senza indugio al preannunciato protocollo d’intesa tra Regione Puglia e ABI, per la moratoria ex legis di 12 mesi di sospensione dei pagamenti   e la copertura degli interessi, garantita dall'intervento regionale e per valutare la possibilità di procrastinare la scadenza dei mutui in essere, consentendo in questo modo di rendere meno pressante il pagamento delle rate”. E’ il commento del Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele, alla notizia dell’approvazione della delibera di Giunta con la quale sono stati stanziati 5 milioni e 100 mila euro per l’istituzione di un fondo per l'erogazione di contributi in favore delle imprese agricole danneggiate da ‘Xylella fastidiosa’.
“E’ una risposta concreta del Presidente Emiliano e dell’Assessore Di Gioia alle nostre sollecitazioni – aggiunge il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti -   dopo gli scambi con l’ABI che aveva bisogno di un basamento legislativo regionale per dare corso alla moratoria. L’ultima delibera di Giunta fa il paio con l’altro provvedimento dell’8 agosto scorso, grazie al quale la Regione Puglia ha stanziato 5 milioni di euro per l’attivazione del Fondo di rotazione che consente un periodo massimo di allungamento del mutuo pari al 100 per cento della durata residua del piano di ammortamento e non superiore ai 4 anni, a valere sulle risorse dal Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC), utili a garantire un riequilibrio economico e sociale”.
E’ innegabile e incalcolabile il danno che il comparto sta subendo da ormai più di 4 anni – conclude Coldiretti Puglia - a causa della devastazione che il batterio Xylella fastidiosa sta provocando nell’intera provincia di Lecce e in buona parte delle province di Brindisi e di Taranto.