Alcuni giorni or sono è stato firmato a Roma un Protocollo d’Intesa tra il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Stefano Patuanelli e il Commissario Generale per la partecipazione dell’Italia a Expo Dubai 2020.

I temi al centro dell’intesa sono stati soprattutto la tutela della salute, del diritto ad un'alimentazione adeguata, sicura e senza sprechi, che persegue modelli sostenibili e innovativi di produzione agricola.

L'accordo è stato sottoscritto durante l'evento preparatorio di Maker Faire Rome - The European Edition "Buono! Storie italiane di agricoltura, territori e cibo sostenibili", promosso e organizzato dalla Camera di Commercio di Roma e realizzato in collaborazione con il Santa Chiara Lab - Università di Siena, nel quadro del percorso di avvicinamento al Food Systems Summit dell'Onu, i cui risultati verranno valorizzati nel quadro degli eventi che l'Italia organizzerà con Organizzazioni internazionali, a partire dall'Unione europea.


Il Protocollo firmato mira a valorizzare la partecipazione dell'Italia all'Esposizione Universale di Dubai, al via il primo di ottobre prossimo, attraverso la promozione dei modelli innovativi al servizio del cibo per comunicare bellezza e sostenibilita?, in linea con il claim che caratterizza la partecipazione italiana a Dubai "La Bellezza unisce le Persone".

 

Innovazione e sostenibilità

Con l'accordo sottoscritto - ha aggiunto Patuanelli - vogliamo portare anche all'Expo di Dubai i tre pilastri necessari per far compiere al settore primario un passo avanti verso l'innovazione, chiave di volta per la sostenibilità della produzione agroalimentare: educazione, protezione del sistema agroalimentare e ambiente. Promuovere presso le nuove generazioni un approccio salutare alla cultura del cibo, alla dieta mediterranea e alla sostenibilità è una sfida che non possiamo perdere. 

 C'è una crescente domanda di cibo italiano nel mondo – ha continuato Patuanelli - e proprio la localizzazione della prossima Esposizione Universale crea un'occasione formidabile per far conosce la distintività e l'originalità delle nostre produzioni agro-alimentari.

 Dal canto suo il Commissario Generale Italia per Expo Dubai Paolo Glisenti ha dichiarato che nel primo evento globale dopo la pandemia, bisogna mostrare al mondo  le innovazioni della nostra agricoltura nella gestione delle risorse naturali - suolo e acqua, prima di tutto - è una grande opportunità per riaffermare l'alta qualità delle produzioni alimentari italiane che oggi tutelano salute e ambiente.

 Con il MIPAAF, in linea con la strategia Farm to Fork dell'Unione Europea, daremo dimostrazione – ha aggiunto Glisenti - di come qualità nutrizionale e tracciabilità degli alimenti non soltanto certificano l'eccellenza della 'dieta mediterranea', ma sono fattori imprescindibili di difesa della biodiversità naturale, di sostenibilità dei sistemi sanitari e di neutralità climatica.

 Il Mipaaf, in particolare, promuoverà il lavoro del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (CREA), principale Ente di ricerca italiano dedicato alle filiere agroalimentari, nonché hub per catalizzare su Dubai le migliori idee progettuali di ricerca italiane in campo agroalimentare.

 Cibo & Salute

Valorizzare e diffondere un modello di consumo sostenibile in grado di assicurare la sicurezza alimentare, promuovere stili di vita sani, condividere buone pratiche alimentari e la distintività del sistema agroalimentare italiano, ha aggiunto il Ministro Patuanelli, non significa solo contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile fissati dall'Agenda 2030 dell'ONU e quelli stabiliti dalla Commissione Europea nel Green Deal ma anche incidere in maniera determinante nell'indirizzare più velocemente il comparto produttivo nel processo di transizione ecologica ormai in atto.

 

 

Dieta Mediterranea

 

Sarà data visibilita? internazionale alla Dieta Mediterranea, e all'approccio salutare alla cultura del cibo che essa rappresenta, attraverso una narrazione interattiva e pratica rivolta in particolar modo ai consumatori giovani e all'acquacoltura, che rappresenta uno degli strumenti per far fronte alle sfide della sostenibilita? delle produzioni.


Il Ministero e il Commissariato si impegnano a coinvolgere istituzioni, nazionali e internazionali, le organizzazioni multilaterali, le universita?, i centri di ricerca, le start-up e le imprese del territorio nazionale, valorizzando le migliori pratiche e i processi di produzione agricola sostenibile e incentivando l'orientamento dei piu? giovani alle nuove professioni e competenze in agricoltura e in ambito "green economy".

 

Il Protocollo prevede altresi? la programmazione di iniziative congiunte indirizzate a presentare ad Expo Dubai modelli di "imprenditoria collaborativa" operanti nei settori dell'agricoltura 4.0 e di precisione e dell'economia circolare. 

 

"L'Italia - ha concluso Glisenti - grazie al protocollo d'intesa siglato con Prima, partenariato che promuove la ricerca e l'innovazione agroalimentare nel Mediterraneo, intende portare all'attenzione internazionale le migliori pratiche dell'innovazione in atto nell'area euro-mediterranea per quanto riguarda la gestione delle risorse idriche, i sistemi alimentari, l'agricoltura di precisione insieme alle competenze italiane nel settore agroalimentare e in generale nella gestione del suolo.

 

Alimentazione e Metabolismo

Ma c’è cibo e cibo, c’è alimento e alimento e non tutto quello che mangiamo è buono, sano e fa bene, anche perché non bisogna trascurare l’importante funzione che riveste nel nostro corpo il metabolismo.

Come spiega nelle sue conferenze ed i suoi libri il prof Antonio Moschetta professore ordinario di Medicina Interna all'Università di Bari e con l’AIRC studia le relazioni tra nutrizione, metabolismo e alcuni tumori, per metabolismo si intende "il complesso di trasformazioni biochimiche e di scambi energetici, regolati da reazioni enzimatiche, che avvengono nelle cellule e assicurano le attività vitali degli organismi". Il termine "metabolismo" ha origine dal greco antico e significa "trasformazione".

La medicina contemporanea si confronta sempre più di frequente con una tipologia di persone, il cosiddetto soggetto "metabolico" o "dismetabolico", che può andare incontro nel tempo a importanti problemi di salute.

La sindrome metabolica, dice Moschetta, non è una patologia, bensì una condizione di rischio clinico. Cinque sono i parametri su cui concordano gli esperti per individuare il soggetto "metabolico": ipertensione arteriosa con un PA > 130-135/80-85 mmHg; ipertrigliceridemia con valori dei trigliceridi nel sangue superiori a 150mg/dl; ipocolesterolemia HDL con la frazione di colesterolo HDL ("colesterolo buono") maggiore di 40 mg/dl nell'uomo e 50 mg/dl nella donna; iperglicemia a digiuno con la glicemia a digiuno maggiore o uguale a 100 mg/dl; circonferenza dell'addome: > 80 cm nella donna e > 94 cm nell'uomo.

 

 

 

 

 

Ovviamente ci vuole un’alimentazione sana e una costante attività fisica. Ma sulla dieta vale la pena precisare alcuni aspetti. A contare, infatti, è soprattutto, anche se non solo, la capacità di alcuni alimenti di indurre nel sangue picchi d’insulina, l’ormone del pancreas che serve a sfruttare l’energia dello zucchero. Quindi sul banco degli imputati a tavola andrebbero messi soprattutto gli zuccheri semplici e altri alimenti caratterizzati da alto indice glicemico, quindi in grado di indurre una secrezione significativa di quest’ormone pancreatico.

 

Ma ridurre i consigli dietetici a questo sarebbe sbagliato: per una buona salute in generale, e in particolare per la prevenzione dei tumori è bene anche limitare carni rosse e soprattutto carni lavorate. Allora che cosa mangiare per tenere alla larga la sindrome metabolica? Il corpus degli studi analizzati con profondità e chiarezza dal prof. Moschetta conducono tutti alla dieta mediterranea, che il professore esamina alla luce dei principali studi degli ultimi decenni.

Curare l'obesità, continua Moschetta, è l'obiettivo primario per contrastare la sindrome metabolica. Mentre un tempo si individuava il soggetto obeso tramite il BMI (Body Mass Index o indice di massa corporea), ottenuto dividendo il peso per il quadrato dell'altezza, oggi si ricorre a un parametro antropometrico molto più semplice da determinare e nello stesso tempo più significativo: la circonferenza addominale, misurata tramite un comune metro da sarto.

Per contrastare l'aumento di peso e lo sviluppo di tessuto adiposo bianco (il più pericoloso) è bene seguire uno stile di vita salutare che comprenda attività fisica aerobica e dieta bilanciata (di frequente si rende necessaria una restrizione calorica).

In particolare, la cosiddetta dieta mediterranea, ricca di frutta e verdura e povera di carboidrati semplici e di carne rossa, è considerata dai nutrizionisti particolarmente efficace nell'aiutare le persone a controllare il peso corporeo. Alcuni alimenti, come l'olio extravergine d'oliva e il pesce, sono considerati, nelle giuste dosi, come protettivi della salute.

Alimenti e Nutriceutica

La medicina contemporanea tende a considerare anche alcuni alimenti alla stregua di veri e propri farmaci e su tale ipotesi è nata una nuova branca medica che prende il nome di “nutriceutica”.

Dice il prof. Moschetta: un ruolo importante nell'assimilazione degli alimenti lo gioca la flora intestinale. I batteri che colonizzano il nostro intestino formano infatti un vero e proprio organo supplementare, il cosiddetto microbiota, che regola molte reazioni chimiche all'interno del nostro organismo e la cui alterazione può provocare importanti malattie. Il microbiota può arrivare a pesare anche due chilogrammi.

Infine va ricordato che il metabolismo e l'alimentazione interagiscono con la costituzione genetica dell'individuo ("nutrigenomica") e con i ritmi circadiani.

L’Olio Extravergine di Oliva

 

E’ stato moltissime volte, anche se qualche rimasto inaascoltato, che particolare importanza riveste nella Dieta Mediterranea l’olio extravergine di oliva, a proposito del quale viene sottolineato dal prof. Moschetta che l’ideale sarebbe poter disporre della cultivar più adatta alla singola persona. Insomma un ottimo olio di oliva pugliese può avere ricadute positive diverse su una persona rispetto a un ottimo olio di oliva ottenuto in un’altra regione, ovviamente sempre made in Italy.

 

Scenari e prospettive

 

Il Santa Chiara Lab dell’Università di Siena ha realizzato di recente un’indagine sugli scenari post pandemia dal titolo “Scenari e prospettive delle imprese agroalimentari fra sostenibilità e innovazione” con al centro il  futuro delle imprese agrifood italiane.

 

Il sistema agroalimentare italiano non potrà prescindere dal puntare in modo deciso sulla sostenibilità e sull'innovazione organizzativa e tecnologica. È questo uno dei risultati più rilevanti emersi dall’indagine a cui hanno risposto più di 100 aziende e istituzioni come il Sustainable Development Solutions, Network (SDSN), Fondazione BCFNColumbia Center on Sustainable Investment (CCSI), ENEACommissariato Generale di Sezione dell’Italia per Expo 2020 Dubai e con il patrocinio di ASVIS, Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile e la partecipazione di Associazioni e Organizzazioni Professionali Agricole.

 

I risultati dell’indagine, ha dichiarato Angelo Riccaboni presidente del Santa Chiara Lab, danno indicazioni molto chiare, alcune delle quali risultano stringenti: il 90% dei rispondenti richiede di avere una governance internazionale più ampia e più forte che controlli la produzione sostenibile degli alimenti; la sicurezza alimentare, cioè la possibilità di fornire il cibo nella quantità e nella qualità desiderata, assume una rilevanza cruciale; l’innovazione tecnologica e organizzativa rappresenta per il 70% dei rispondenti il motore per il futuro del settore.

 

Dal quadro che emerge risulta dunque chiaro che il sistema agrifood italiano del futuro dovrà affrontare delle trasformazioni profonde che non possono prescindere dal forte legame con i principi della sostenibilità e dell’innovazione.

 

ROBERTO DE PETRO

 

INNOVAZIONE E SOSTENIBILITA’ ALIMENTARE

 

OVVERO TECNOLOGIA, SALUTE E NUTRIZIONE

 

 

Alcuni giorni or sono è stato firmato a Roma un Protocollo d’Intesa tra il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Stefano Patuanelli e il Commissario Generale per la partecipazione dell’Italia a Expo Dubai 2020.

 

I temi al centro dell’intesa sono stati soprattutto la tutela della salute, del diritto ad un'alimentazione adeguata, sicura e senza sprechi, che persegue modelli sostenibili e innovativi di produzione agricola.

 

L'accordo è stato sottoscritto durante l'evento preparatorio di Maker Faire Rome - The European Edition "Buono! Storie italiane di agricoltura, territori e cibo sostenibili", promosso e organizzato dalla Camera di Commercio di Roma e realizzato in collaborazione con il Santa Chiara Lab - Università di Siena, nel quadro del percorso di avvicinamento al Food Systems Summit dell'Onu, i cui risultati verranno valorizzati nel quadro degli eventi che l'Italia organizzerà con Organizzazioni internazionali, a partire dall'Unione europea.


Il Protocollo firmato mira a valorizzare la partecipazione dell'Italia all'Esposizione Universale di Dubai, al via il primo di ottobre prossimo, attraverso la promozione dei modelli innovativi al servizio del cibo per comunicare bellezza e sostenibilita?, in linea con il claim che caratterizza la partecipazione italiana a Dubai "La Bellezza unisce le Persone".

 

Innovazione e sostenibilità

 

Con l'accordo sottoscritto - ha aggiunto Patuanelli - vogliamo portare anche all'Expo di Dubai i tre pilastri necessari per far compiere al settore primario un passo avanti verso l'innovazione, chiave di volta per la sostenibilità della produzione agroalimentare: educazione, protezione del sistema agroalimentare e ambiente. Promuovere presso le nuove generazioni un approccio salutare alla cultura del cibo, alla dieta mediterranea e alla sostenibilità è una sfida che non possiamo perdere. 

 

C'è una crescente domanda di cibo italiano nel mondo – ha continuato Patuanelli - e proprio la localizzazione della prossima Esposizione Universale crea un'occasione formidabile per far conosce la distintività e l'originalità delle nostre produzioni agro-alimentari.

 

Dal canto suo il Commissario Generale Italia per Expo Dubai Paolo Glisenti ha dichiarato che nel primo evento globale dopo la pandemia, bisogna mostrare al mondo  le innovazioni della nostra agricoltura nella gestione delle risorse naturali - suolo e acqua, prima di tutto - è una grande opportunità per riaffermare l'alta qualità delle produzioni alimentari italiane che oggi tutelano salute e ambiente.

 

Con il MIPAAF, in linea con la strategia Farm to Fork dell'Unione Europea, daremo dimostrazione – ha aggiunto Glisenti - di come qualità nutrizionale e tracciabilità degli alimenti non soltanto certificano l'eccellenza della 'dieta mediterranea', ma sono fattori imprescindibili di difesa della biodiversità naturale, di sostenibilità dei sistemi sanitari e di neutralità climatica.

 
Il Mipaaf, in particolare, promuoverà il lavoro del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (CREA), principale Ente di ricerca italiano dedicato alle filiere agroalimentari, nonché hub per catalizzare su Dubai le migliori idee progettuali di ricerca italiane in campo agroalimentare.

 

Cibo & Salute

 

Valorizzare e diffondere un modello di consumo sostenibile in grado di assicurare la sicurezza alimentare, promuovere stili di vita sani, condividere buone pratiche alimentari e la distintività del sistema agroalimentare italiano, ha aggiunto il Ministro Patuanelli, non significa solo contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile fissati dall'Agenda 2030 dell'ONU e quelli stabiliti dalla Commissione Europea nel Green Deal ma anche incidere in maniera determinante nell'indirizzare più velocemente il comparto produttivo nel processo di transizione ecologica ormai in atto.

 

 

Dieta Mediterranea

 

Sarà data visibilita? internazionale alla Dieta Mediterranea, e all'approccio salutare alla cultura del cibo che essa rappresenta, attraverso una narrazione interattiva e pratica rivolta in particolar modo ai consumatori giovani e all'acquacoltura, che rappresenta uno degli strumenti per far fronte alle sfide della sostenibilita? delle produzioni.


Il Ministero e il Commissariato si impegnano a coinvolgere istituzioni, nazionali e internazionali, le organizzazioni multilaterali, le universita?, i centri di ricerca, le start-up e le imprese del territorio nazionale, valorizzando le migliori pratiche e i processi di produzione agricola sostenibile e incentivando l'orientamento dei piu? giovani alle nuove professioni e competenze in agricoltura e in ambito "green economy".

 

Il Protocollo prevede altresi? la programmazione di iniziative congiunte indirizzate a presentare ad Expo Dubai modelli di "imprenditoria collaborativa" operanti nei settori dell'agricoltura 4.0 e di precisione e dell'economia circolare. 

 

"L'Italia - ha concluso Glisenti - grazie al protocollo d'intesa siglato con Prima, partenariato che promuove la ricerca e l'innovazione agroalimentare nel Mediterraneo, intende portare all'attenzione internazionale le migliori pratiche dell'innovazione in atto nell'area euro-mediterranea per quanto riguarda la gestione delle risorse idriche, i sistemi alimentari, l'agricoltura di precisione insieme alle competenze italiane nel settore agroalimentare e in generale nella gestione del suolo.

 

Alimentazione e Metabolismo

Ma c’è cibo e cibo, c’è alimento e alimento e non tutto quello che mangiamo è buono, sano e fa bene, anche perché non bisogna trascurare l’importante funzione che riveste nel nostro corpo il metabolismo.

Come spiega nelle sue conferenze ed i suoi libri il prof Antonio Moschetta professore ordinario di Medicina Interna all'Università di Bari e con l’AIRC studia le relazioni tra nutrizione, metabolismo e alcuni tumori, per metabolismo si intende "il complesso di trasformazioni biochimiche e di scambi energetici, regolati da reazioni enzimatiche, che avvengono nelle cellule e assicurano le attività vitali degli organismi". Il termine "metabolismo" ha origine dal greco antico e significa "trasformazione".

La medicina contemporanea si confronta sempre più di frequente con una tipologia di persone, il cosiddetto soggetto "metabolico" o "dismetabolico", che può andare incontro nel tempo a importanti problemi di salute.

La sindrome metabolica, dice Moschetta, non è una patologia, bensì una condizione di rischio clinico. Cinque sono i parametri su cui concordano gli esperti per individuare il soggetto "metabolico": ipertensione arteriosa con un PA > 130-135/80-85 mmHg; ipertrigliceridemia con valori dei trigliceridi nel sangue superiori a 150mg/dl; ipocolesterolemia HDL con la frazione di colesterolo HDL ("colesterolo buono") maggiore di 40 mg/dl nell'uomo e 50 mg/dl nella donna; iperglicemia a digiuno con la glicemia a digiuno maggiore o uguale a 100 mg/dl; circonferenza dell'addome: > 80 cm nella donna e > 94 cm nell'uomo.

 

 

 

 

 

Ovviamente ci vuole un’alimentazione sana e una costante attività fisica. Ma sulla dieta vale la pena precisare alcuni aspetti. A contare, infatti, è soprattutto, anche se non solo, la capacità di alcuni alimenti di indurre nel sangue picchi d’insulina, l’ormone del pancreas che serve a sfruttare l’energia dello zucchero. Quindi sul banco degli imputati a tavola andrebbero messi soprattutto gli zuccheri semplici e altri alimenti caratterizzati da alto indice glicemico, quindi in grado di indurre una secrezione significativa di quest’ormone pancreatico.

 

Ma ridurre i consigli dietetici a questo sarebbe sbagliato: per una buona salute in generale, e in particolare per la prevenzione dei tumori è bene anche limitare carni rosse e soprattutto carni lavorate. Allora che cosa mangiare per tenere alla larga la sindrome metabolica? Il corpus degli studi analizzati con profondità e chiarezza dal prof. Moschetta conducono tutti alla dieta mediterranea, che il professore esamina alla luce dei principali studi degli ultimi decenni.

Curare l'obesità, continua Moschetta, è l'obiettivo primario per contrastare la sindrome metabolica. Mentre un tempo si individuava il soggetto obeso tramite il BMI (Body Mass Index o indice di massa corporea), ottenuto dividendo il peso per il quadrato dell'altezza, oggi si ricorre a un parametro antropometrico molto più semplice da determinare e nello stesso tempo più significativo: la circonferenza addominale, misurata tramite un comune metro da sarto.

Per contrastare l'aumento di peso e lo sviluppo di tessuto adiposo bianco (il più pericoloso) è bene seguire uno stile di vita salutare che comprenda attività fisica aerobica e dieta bilanciata (di frequente si rende necessaria una restrizione calorica).

In particolare, la cosiddetta dieta mediterranea, ricca di frutta e verdura e povera di carboidrati semplici e di carne rossa, è considerata dai nutrizionisti particolarmente efficace nell'aiutare le persone a controllare il peso corporeo. Alcuni alimenti, come l'olio extravergine d'oliva e il pesce, sono considerati, nelle giuste dosi, come protettivi della salute.

Alimenti e Nutriceutica

La medicina contemporanea tende a considerare anche alcuni alimenti alla stregua di veri e propri farmaci e su tale ipotesi è nata una nuova branca medica che prende il nome di “nutriceutica”.

Dice il prof. Moschetta: un ruolo importante nell'assimilazione degli alimenti lo gioca la flora intestinale. I batteri che colonizzano il nostro intestino formano infatti un vero e proprio organo supplementare, il cosiddetto microbiota, che regola molte reazioni chimiche all'interno del nostro organismo e la cui alterazione può provocare importanti malattie. Il microbiota può arrivare a pesare anche due chilogrammi.

Infine va ricordato che il metabolismo e l'alimentazione interagiscono con la costituzione genetica dell'individuo ("nutrigenomica") e con i ritmi circadiani.

L’Olio Extravergine di Oliva

 

E’ stato moltissime volte, anche se qualche rimasto inaascoltato, che particolare importanza riveste nella Dieta Mediterranea l’olio extravergine di oliva, a proposito del quale viene sottolineato dal prof. Moschetta che l’ideale sarebbe poter disporre della cultivar più adatta alla singola persona. Insomma un ottimo olio di oliva pugliese può avere ricadute positive diverse su una persona rispetto a un ottimo olio di oliva ottenuto in un’altra regione, ovviamente sempre made in Italy.

 

Scenari e prospettive

 

Il Santa Chiara Lab dell’Università di Siena ha realizzato di recente un’indagine sugli scenari post pandemia dal titolo “Scenari e prospettive delle imprese agroalimentari fra sostenibilità e innovazione” con al centro il  futuro delle imprese agrifood italiane.

 

Il sistema agroalimentare italiano non potrà prescindere dal puntare in modo deciso sulla sostenibilità e sull'innovazione organizzativa e tecnologica. È questo uno dei risultati più rilevanti emersi dall’indagine a cui hanno risposto più di 100 aziende e istituzioni come il Sustainable Development Solutions, Network (SDSN), Fondazione BCFNColumbia Center on Sustainable Investment (CCSI), ENEACommissariato Generale di Sezione dell’Italia per Expo 2020 Dubai e con il patrocinio di ASVIS, Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile e la partecipazione di Associazioni e Organizzazioni Professionali Agricole.

 

I risultati dell’indagine, ha dichiarato Angelo Riccaboni presidente del Santa Chiara Lab, danno indicazioni molto chiare, alcune delle quali risultano stringenti: il 90% dei rispondenti richiede di avere una governance internazionale più ampia e più forte che controlli la produzione sostenibile degli alimenti; la sicurezza alimentare, cioè la possibilità di fornire il cibo nella quantità e nella qualità desiderata, assume una rilevanza cruciale; l’innovazione tecnologica e organizzativa rappresenta per il 70% dei rispondenti il motore per il futuro del settore.

Dal quadro che emerge risulta dunque chiaro che il sistema agrifood italiano del futuro dovrà affrontare delle trasformazioni profonde che non possono prescindere dal forte legame con i principi della sostenibilità e dell’innovazione.

 

 

 

Ministero della Salute

DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA

 

A

Assessorati alla Sanità Regioni Statuto Ordinario e Speciale

L_O_R_O_ _S_E_D_I_ _

Assessorati alla Sanità Province Autonome Trento e Bolzano

L_O_R_O_ _S_E_D_I_ _

Per cc

Ufficio di Gabinetto

Sede

Protezione Civile

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ministero Economia e Finanze

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ministero Sviluppo Economico

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ministero Infrastrutture e

Trasporti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ministero Del Lavoro e Politiche Sociali

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ministero dei Beni e Delle Attività Culturali e del Turismo

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ministero della Difesa Ispettorato Generale della Sanità Militare

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ministero dell’Istruzione

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ministero dell’Università e della Ricerca

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ministero dell’Interno

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ministero della Giustizia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria

Direzione Generale dei Detenuti e del Trattamento

Ministero Della Giustizia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ministero dello Sviluppo Economico

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Presidenza Consiglio dei Ministri - Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI)

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

U.S.M.A.F. – S.A.S.N. Uffici di Sanità Marittima, Aerea e di Frontiera

LORO SEDI

Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute

Conferenza Episcopale Italiana

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Don Massimo Angelelli

Direttore Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 2

 

 

Federazione Nazionale Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FNOPI Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FNOPO Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FOFI Federazione Ordini Farmacisti Italiani

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Direzione generale dei dispositivi medici e del servizio farmaceutico DGDMF

SEDE

Federazione Nazionale Ordini dei TSRM e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Azienda Ospedaliera - Polo Universitario Ospedale Luigi Sacco

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Comando Carabinieri Tutela della Salute – NAS

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Istituto Superiore di Sanità

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive – IRCCS “Lazzaro Spallanzani”

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Centro Internazionale Radio Medico (CIRM)

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie della povertà (INMP)

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Federazione delle Società Medico-Scientifiche Italiane (FISM)

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Confartigianato

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Centro Nazionale Sangue

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Centro Nazionale Trapianti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

COMMISSARIO STRAORDINARIO PER L’EMERGENZA COVID 19

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

CONFCOMMERCIO

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ente Nazionale per l’Aviazione Civile - ENAC

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

TRENITALIA

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ITALO - Nuovo Trasporto Viaggiatori SpA

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Direzione Generale Programmazione Sanitaria DGPROGS

SEDE

SIMIT – Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Società Italiana di Medicina e Sanità Penitenziaria (Simspe-onlus)

Via Santa Maria della Grotticella 65/B

01100 Viterbo

Ordine Nazionale dei Biologi

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ANTEV Associazione Nazionale Tecnici Verificatori - PRESIDENTE Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia Intensiva

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali

AGENAS

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Federazione Nazionale degli Ordini dei CHIMICI e dei FISICI

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dipartimento Per Le Politiche Della Famiglia ROMA

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Regione Veneto – Assessorato alla sanità

Direzione Regionale Prevenzione

Coordinamento Interregionale della Prevenzione

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 3

 

 

O G G E T T O: Allerta internazionale variante Delta: incremento dei casi COVID-19 in diversi Paesi Europei.

Nelle ultime ore diversi Paesi Europei hanno segnalato un incremento dei casi confermati COVID-19 da variante B1.617.2 (variante Delta).

Le autorità sanitarie finlandesi riferiscono di numerosi casi di COVID-19 tra i circa 4500 tifosi di UEFA EURO 2020 di ritorno dalle partite in Russia.

La maggior parte del traffico di ritorno in Finlandia ha avuto luogo tra il 21 e il 25 giugno 2021. A partire dal 1° luglio 2021, sono stati notificati 481 casi confermati tra i passeggeri di ritorno dalle partite a San Pietroburgo e 165 casi secondari.

L’analisi di un sottoinsieme di campioni prelevati dai casi di tifosi positivi, ha confermato la presenza di variante Delta in tutti i casi finora sequenziati.

Le autorità sanitarie dei Paesi Bassi riportano un notevole aumento di infezioni da COVID-19 tra studenti di ritorno da Palma di Maiorca (Spagna) e dall’Algarve (Portogallo) dopo una breve vacanza.

Tra l'8 e il 13 giugno 2021, sono stati registrati 81 casi su 16 voli di ritorno da Palma di Maiorca, e 60 casi su 14 voli provenienti da Faro, in Portogallo. Nello stesso periodo il sistema di sorveglianza generale dei Paesi Bassi, ha rilevato 205 casi in persone di età tra i 15 e i 19 anni con una storia di viaggio recente in Spagna o Portogallo.

In queste destinazioni sono probabili contatti stretti e frequenti con altri individui della stessa fascia d'età, e considerando che la maggior parte di loro non è (ancora) vaccinata, i rischi di trasmissione potrebbero essere alti.

Le autorità sanitarie spagnole hanno notificato un ampio focolaio di COVID-19 tra gli studenti spagnoli di ritorno dalle Isole Baleari.

All’8 luglio sono stati registrati 3.073 casi positivi e 8.656 contatti con un collegamento a Maiorca e 1.965 casi con 5.824 contatti con collegamento ad altre destinazioni (tra cui principalmente Minorca, Tenerife, Salou, Lloret de mar e Malaga). Il sequenziamento è in corso; l'analisi preliminare ha mostrato, per la maggior parte dei campioni, la presenza di variante Alfa e, in numero inferiore, di variante Delta.

Tutti i casi primari hanno riferito la partecipazione ad attività di svago, come eventi organizzati su larga scala (concerti, feste), frequentazione di hotel, pub, club e altri luoghi con interazioni sociali strette e prolungate senza seguire misure di prevenzione. Sono stati identificati almeno 726 casi secondari, che hanno colpito anche persone di età più avanzata.

Diversi paesi europei hanno identificato casi tra i giovani cittadini che avevano viaggiato verso queste destinazioni.

La Spagna segnala, inoltre, un notevole aumento dei casi con un’incidenza cumulativa negli scorsi 14 giorni di 252/100.000 casi confermati, con valori di incidenza cumulativa in 14 giorni che raggiungo 800/100.000 nella fascia d’età tra i 12 e i 29 anni. La maggior parte dei nuovi casi identificati si stanno verificando nella popolazione giovane non vaccinata, in molti casi legati ad eventi di svago super-diffusivi in ambienti chiusi, dove grandi gruppi di persone provenienti da luoghi diversi (sia spagnoli che stranieri) trascorrono insieme molto tempo senza seguire le previste misure di prevenzione. Altre fasce d'età iniziano ad essere interessate da questo aumento, soprattutto quelle in cui la vaccinazione non è ancora completa. 4

 

Le autorità sanitarie spagnole stanno valutando nuove restrizioni nelle diverse comunità autonome per controllare la situazione e raccomandano di cancellare tutti i viaggi di questo tipo con destinazione Maiorca.

Attuale situazione europea

Sulla base dei dati forniti dagli Stati membri, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) pubblica una mappa degli Stati membri dell'UE, suddivisa per regioni (Figura 1), che mostra i livelli di rischio nelle diverse regioni europee utilizzando un sistema a semaforo. Sono inclusi nella mappa anche i dati di Islanda, Liechtenstein e Norvegia.

La mappa si basa sui dati comunicati ogni martedì dagli Stati membri dell'UE al database del Sistema di sorveglianza europeo (TESSy) ed è pubblicata dall'ECDC ogni giovedì, a sostegno della raccomandazione del Consiglio europeo su un approccio coordinato alla restrizione della libera circolazione in risposta alla pandemia di COVID-191, adottata dagli Stati membri dell'UE il 13 ottobre 2020, e modificata il 28 gennaio 20212 e 14 giugno 20213.

1 https://ec.europa.eu/info/live-work-travel-eu/coronavirus-response/travel-during-coronavirus-pandemic/common-approach-travel-measures-eu_en

2 https://www.consilium.europa.eu/media/48122/st05716-en21-public.pdf

3 https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/PDF/?uri=CELEX:32021H0961

4 https://reopen.europa.eu/en

La mappa, pubblicata anche sulla piattaforma web "R_e_-_o_p_e_n_ _E_U_"4, fornisce ai viaggiatori informazioni generali sul livello di rischio della destinazione.

Le diverse aree sono contrassegnate con i seguenti colori (dal 17 giugno 2021 le regioni sono classificate secondo i criteri dell'ultima modifica della raccomandazione del Consiglio):

? _Verde:

- se il tasso di notifica a 14 giorni è inferiore a 50 e il tasso di positività al test è inferiore al 4%; oppure

- se il tasso di notifica a 14 giorni è inferiore a 75 e il tasso di positività al test è inferiore all'1%

? _Arancione:

- se il tasso di notifica a 14 giorni è inferiore a 50 e il tasso di positività al test è pari o superiore al 4%; oppure

- se il tasso di notifica a 14 giorni è pari o superiore a 50 e inferiore a 75 e il tasso di positività al test è pari o superiore all'1%; oppure

- se il tasso di notifica a 14 giorni è compreso tra 75 e 200 e il tasso di positività al test è inferiore al 4%

? _Rosso:

- se il tasso di notifica cumulativo di casi COVID-19 di 14 giorni varia da 75 a 200 e il tasso di positività al test dei test per l'infezione da COVID-19 è del 4% o più, oppure

- se il tasso di notifica cumulativo dei casi COVID-19 di 14 giorni è superiore a 200 ma inferiore a 500

5

 

 

? _Rosso scuro:

- se il tasso di notifica cumulativo dei casi COVID-19 di 14 giorni è 500 o più

? _Grigio:

- se le informazioni sono insufficienti o se il tasso di test è inferiore a 300 casi per 100.000.

 

Figura 1. Indicatore combinato: tasso di notifica, tasso di test e positività al test per 100.000 abitanti negli ultimi 14 giorni, aggiornato all'8 luglio 2021. NOTE SUI DATI: Nella settimana 25, la regione italiana del Friuli Venezia Giulia ha aggiornato il proprio sistema informatico e rivisto i propri dati, il che ha portato a un numero negativo di nuovi casi. Le regioni con un numero negativo di casi sono classificate come grigie nelle mappe.

Sulla base delle ultime evidenze disponibili5, si prevede che in Europa il 70% delle nuove infezioni da SARS-CoV-2 sarà dovuto alla variante Delta (B.1.617.2) entro l'inizio di agosto ed il 90% entro la fine di agosto. Qualsiasi allentamento durante i mesi estivi della severità delle misure non farmacologiche in atto nell'UE/SEE all'inizio di giugno, senza un contemporaneo aumento dei livelli di vaccinazioni complete nella popolazione, potrebbe portare ad un repentino e significativo aumento dei casi COVID-19 giornalieri in tutte le fasce d'età, e soprattutto in quelle < 50 anni, con un incremento associato dei ricoveri e decessi.

5 European Centre for Disease Prevention and Control. Implications for the EU/EEA on the spread of the SARSCoV-2 Delta (B.1.617.2) variant of concern - 23 June 2021. ECDC: Stockholm; 2021.

6 La situazione aggiornata sulla diffusione delle varianti in Italia è consultabile online al bollettino “P_r_e_v_a_l_e_n_z_a_ _e_ _d_i_s_t_r_i_b_u_z_i_o_n_e_ _d_e_l_l_e_ _v_a_r_i_a_n_t_i_ _d_e_l_ _v_i_r_u_s_ _S_A_R_S_-_C_o_V_-_2_ _d_i_ _i_n_t_e_r_e_s_s_e_ _p_e_r_ _l_a_ _s_a_n_i_t_à _p_u_b_b_l_i_c_a_ _i_n_ _I_t_a_l_i_a_”, redatto dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e consultabile al link https://www.iss.it/cov19- cosa-fa-iss-varianti/.

In Italia al 22 giugno scorso, in base alle segnalazioni pervenute al Sistema di Sorveglianza Integrata COVID-196, la prevalenza della cosiddetta ‘variante Delta’ (B.1.167.2) aveva una prevalenza pari al 22,7% ed è stata identificata in 16 Regioni/PA, con un range tra lo 0 e il 70,6%. Dall’indagine si evince che la variante Delta (B.1.167.2) è in aumento. 6

 

L'allentamento delle misure di controllo nelle ultime settimane ha generato un aumento della mobilità delle persone a livello nazionale e internazionale, portando a un aumento delle interazioni sociali della popolazione. Nel contesto italiano, in cui la campagna di vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti in tutte le fasce di età, la diffusione di varianti a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante.

Al fine di contenerne ed attenuarne l’impatto, è importante mantenere l’incidenza a valori che permettano il sistematico tracciamento della maggior parte dei casi positivi e il sequenziamento massivo di SARS-CoV-2 per individuare precocemente e controllare l’evoluzione di varianti genetiche nel nostro Paese.

Alla luce di quanto sopra riportato, vista l’attuale distribuzione delle varianti del virus SARS-CoV-2, si raccomanda pertanto di:

? _continuare a monitorare con grande attenzione la circolazione delle varianti del virus SARS-CoV-2;

? _rafforzare le attività di tracciamento dei casi e dei contatti di caso;

? _applicare tempestivamente e scrupolosamente sia le previste misure di contenimento della trasmissione, che le misure di isolamento e quarantena in caso di VOC Delta sospetta o confermata, per le quali si rimanda alla Circolare n. 22746 del 21/05/2021

? _applicare le indicazioni della circolare del Ministero della Salute n. 3787 del 31/01/2021, sequenziando prioritariamente i campioni provenienti da: soggetti vaccinati contro SARS-CoV-2 che successivamente si infettano nonostante lo sviluppo di una risposta immunitaria al vaccino; da soggetti in contesti ad alto rischio, quali ospedali nei quali vengono ricoverati pazienti immunocompromessi positivi a SARS-CoV-2 per lunghi periodi; da casi di reinfezione; da soggetti in arrivo da Paesi con alta incidenza di varianti SARS-CoV-2; in caso di aumento dell’incidenza o cambiamento nella trasmissibilità e/o virulenza dell’infezione in un’area; da soggetti appartenenti a cluster per valutare la catena di trasmissione e/o l'efficacia di strategie di contenimento dell'infezione

? _garantire strategie vaccinali che tengano conto della possibile minore protezione contro le infezioni da variante Delta dopo una sola dose di vaccino, dell’efficacia sostenuta della vaccinazione completa e della necessità di effettuare una vaccinazione completa contro COVID-19 il prima possibile, se è disponibile, negli individui a rischio di grave infezione.

 

Si prega di dare la massima diffusione alla presente nota circolare.

Il DIRETTORE GENERALE

*F.to Dott. Giovanni REZZA

Il Direttore dell’Ufficio 05

Dott. Francesco Maraglino

R_e_f_e_r_e_n_t_i_/_R_e_s_p_o_n_s_a_b_i_l_i_ _d_e_l_ _p_r_o_c_e_d_i_m_e_n_t_o_:_ _

Anna Caraglia

Alessia D’Alisera

Federica Ferraro

Alessia Mammone

*_“f_i_r_m_a_ _a_u_t_o_g_r_a_f_a_ _s_o_s_t_i_t_u_i_t_a_ _a_ _m_e_z_z_o_ _s_t_a_m_p_a_,_ _a_i_ _s_e_n_s_i_ _d_e_l_l_’a_r_t_._ _3_,_ _c_o_m_m_a_ _2_,_ _d_e_l_ _d_._ _L_g_s_._ _N_._ _3_9_/_1_9_9_3_” _

È stato diffuso il Piano del Commissario straordinario, generale Francesco Paolo Figliuolo, per l’esecuzione della campagna vaccinale nazionale.Il documento, elaborato in armonia con il Piano strategico nazionale del Ministero della Salute, fissa le linee operative per completare al più presto la campagna vaccinale. La governance sarà accentrata a fronte di una esecuzione decentrata, con una catena di controllo snella.

I due pilastri per condurre una rapida campagna sono la distribuzione efficace e puntuale dei vaccini e l’incremento delle somministrazioni giornaliere.
L’obiettivo è di raggiungere a regime il numero di 500 mila somministrazioni al giorno su base nazionale, vaccinando almeno l’80% della popolazione entro il mese di settembre, triplicando così il numero giornaliero medio di vaccinazioni delle scorse settimane, pari a circa 170 mila.
Tre sono le linee operative della campagna:

  1. Approvvigionamento e distribuzione, attraverso costante contatto della struttura commissariale con tutti gli stakeholder. Ad oggi sono state approvvigionate 7,9 milioni di dosi, che si raddoppieranno entro le prossime tre settimane. Entro la fine di giugno è previsto l’arrivo di altre 52 milioni di dosi circa, mentre ulteriori 84 milioni sono previsti prima dell’autunno.
  2. Monitoraggio costante dei fabbisogni con interventi mirati, selettivi e puntiformi sulla base degli scostamenti dalla pianificazione. Verrà costituita una riserva vaccinale pari a circa l’1,5% delle dosi, per poter fronteggiare con immediatezza esigenze impreviste, indirizzando le risorse nelle aree interessate da criticità, prevedendo l’impiego di rinforzi del Dipartimento di Protezione Civile e della Difesa. Si interverrà inoltre anche secondo il principio del punto di accumulo, concentrando le risorse necessarie verso aree cluster e di piccoli dimensioni in stato di particolare necessità. Il monitoraggio comprenderà anche l’analisi coordinata delle disponibilità manifestate da numerose realtà del Sistema Paese, al fine di indirizzare al meglio le risorse.
  3. Capillarizzazione della somministrazione, incrementando la platea dei vaccinatori e il numero di punti vaccinali. Verrà dato impulso all’accordo per impiegare medici di medicina generale (fino a 44 mila), odontoiatri (fino a 60 mila), medici specializzandi (fino a 23 mila). Si potrà far ricorso – tramite accordi in via di finalizzazione - anche ai medici della Federazione Medico Sportiva Italiana, ai medici competenti dei siti produttivi e della grande distribuzione, oltre che ai medici convenzionati ambulatoriali e ai farmacisti. Proseguirà, se necessario, l’assunzione di medici e infermieri a chiamata, in aggiunta agli oltre 1700 già operativi. In caso di emergenza scenderanno in campo anche team mobili. Capitolo a parte è quello del potenziamento della rete vaccinale esistente che conta attualmente 1733 punti vaccinali (dato in crescita). Per l’allestimento di nuovi centri potranno eventualmente essere utilizzati siti produttivi, le aree della grande distribuzione, le palestre, le scuole, le strutture di associazioni e della Conferenza Episcopale Italiana.

?????Verrà inoltre potenziata l’infologistica, con l’adozione in tempi brevi di soluzioni informatiche per l’ampliamento delle funzioni di prenotazione e somministrazione dei vaccini, garantendo la circolarità delle informazioni e dando così impulso alla campagna. A livello operativo è stato istituito un tavolo permanente per verificare quotidianamente l’andamento delle attività sul terreno. Al tavolo, coordinato dalla Struttura Commissariale, partecipano la Protezione Civile, le Regioni e le Province autonome, con l’eventuale partecipazione di altri attori istituzionali e delle associazioni.

"Dopo 24 ore abbiamo già avuto 500mila download significa che l'applicazione è stata apprezzata nella sua semplicità e i cittadini ne hanno capito l'utilità". Così il ministro per l'innovazione Paola Pisano sull'utilizzo della app Immuni per il tracciamento del Coronavirus. "Siamo tra i primi Paesi al mondo" e "il primo tra i grandi Paesi Ue" ad usare simili tecnologie. La app, ha ricordato, "è stata sviluppata nel pieno rispetto della privacy".

Molti italiani hanno quindi deciso di scaricare la app, nonostante il fatto che al momento non sia funzionante. Immuni sarà infatti testata solo a partire dall'8 giugno e solo in 4 regioni italiane - Abruzzo, Liguria, marche e Puglia - prima di essere resa operativa su scala nazionale. 

Intanto cambiano le immagini usate per descrivere il funzionamento dell'app Immuni sul sito istituzionale dedicato all'applicazione. Ora il neonato non è più in braccio alla mamma ma al papà ed è la donna e non l'uomo che sta davanti al computer. La modifica è arrivata dopo critiche bipartisan per l'uso degli stereotipi del maschio lavoratore e la donna che resta a casa con i figli.

"L'app immuni ha due grandi limiti - afferma il presidente della regione Veneto, Luca Zaia -  il primo è che non sa dove finisce il gran bagaglio di dati, il secondo che rischia di mettere in crisi l'ossatura della sanità. L'aspetto mi inquieta, non si è detto agli addetti ai lavori cosa accadrà - spiega Zaia -. Nel momento che arriva al cittadino la segnalazioni di probabile positività con l'invito di andare dal medico di base noi non sappiamo cosa in effetti succede, di qui il rischio per l'ossatura della sanità, uno può fare a meno perché non vuole finire in quarantena o non vuole perdere il lavoro, ed ancora i medici che si trovano il cittadino che si presenta dicendo che ha ricevuto il messaggio cosa fanno. Noi che siamo la sanità come possiamo controllare quanto accade non avendo contezza di quanto c'è nei telefonini dei nostri cittadini". "Non è irrilevante - sottolinea Zaia - perché significa focolaio, significa isolamento, significa tampone e noi non avendo gli elementi non siamo in grado di gestire perché non sappiamo nulla di ciò che accade: un grande lavoro digitale ma poco pratico per chi deve gestire la sanità".

"Su Immuni non c'è alcuna contrapposizione di natura politica da parte della Regione Friuli Venezia Giulia ma solo una diversa valutazione sull'efficacia dell'app, che riteniamo insufficiente nel momento in cui si prevede un'adesione su base volontaria", rileva il vicepresidente con delega alla Salute e alla Protezione civile, Riccardo Riccardi. "Noi abbiamo ritenuto fin dall'inizio dell'epidemia che il tracciamento con app fosse una misura utile  e ci siamo immediatamente attivati, pronti anche a mettere le nostre risorse a disposizione del Paese. Se ora, come sembra, il Governo obbligherà le Regioni ad applicare Immuni in ogni territorio e non autorizzerà iniziative autonome di singole Regioni, noi ci adegueremo". 

Da oggi tutte le persone che si spostano, si trasferiscono o fanno ingresso, in Puglia, da altre regioni o dall'estero, con mezzi di trasporto pubblici o privati devono segnalare lo spostamento, il trasferimento o l'ingresso compilando il modello di auto-segnalazione disponibile sul sito istituzionale della Regione Puglia. Lo dispone l'ordinanza n.245 emanata ieri sera dal presidente, Michele Emiliano. Le persone dovranno dichiarare  il luogo di provenienza ed il comune in cui soggiornano, conservare per un periodo di trenta giorni l'elenco dei luoghi visitati e delle persone incontrate durante il soggiorno. In pieno spirito di collaborazione, e' consigliato di scaricare l'app "Immuni". E' esclusa l'applicabilita' della nuova ordinanza agli spostamenti per esigenze lavorative, per motivi di salute, per ragioni di assoluta urgenza, nonche' al transito e trasporto merci e a tutta la filiera produttiva da e per la Puglia.

Il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, afferma: "noi ci siamo fatti avanti e siamo molto convinti del valore di questa app, che protegge la privacy delle persone ma le informa dei contatti che hanno avuto con delle persone potenzialmente positive. Questo e' molto importante in questa fase e ci aiuta nel cercare gli ultimi positivi. L'obiettivo e' raggiungere quel numero necessario perche' l'app funzioni: l'unico dato che abbiamo sono i contatti sulla pagina della Regione, 15.000, con molti che scrivevano 'fatto". (Regioni.it 3853)

Le nazioni ed i paesi che aderiscono illuminano un monumento di viola così da attirare l’attenzione sulla nostra realtà. Una realtà non facile da comprendere, spesso invalidante e molto spesso uno stato psicofisico che conduce all’isolamento.

L’importanza dell’iniziativa è stata riconosciuta anche dal Capo dello Stato Sergio Mattarella che ha conferito al World IBD Day la Medaglia di Rappresentanza del Presidente della Repubblica Italiana per l’alto valore sociale e morale.

Per l’occasione l’Associazione M.I.Cro.Italia ODV ha deciso di lanciare la campagna “Puglia Viola”, un’iniziativa che aiuterà tantissime Amministrazioni Pubbliche e cittadini a prendere coscienza sulle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali.

Una giornata dove illuminare di Viola un monumento o simbolo della comunità di appartetenza. La necessità di far comprendere con questa iniziativa cosa sono le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali che negli ultimi anni colpiscono sempre più persone anche in età pediatrica. Una patologia non facile da raccontare e spesso celata per le difficoltà di vita e di relazione che accomunano chi ne soffre.

Sono state tantissime le Amministrazioni Comunali che hanno aderito: la Città di Aprilia che illuminerà la statua di San Michele, la chiesa di Materdomini in piazza Vittorio Veneto a Matera, il Palazzo Granafei-Nervegna a Brindisi, la Torre degli Sciri a Perugia, la sede del Consiglio Regionale a Bari, il Sedile a Lecce, la Fontana Monumentale di Piazza Moro a Bari, il palazzo di città di Gravina in Puglia, di Barletta, di Locorotondo, di Cassano delle Murge, ed altri Comuni che a breve ci comunicheranno cosa verrà illuminato.

Tra le iniziative di Puglia Viola anche l’importante momento che si é tenuta martedì 19 maggio erano presenti: Vincenzo Florio, Presidente M.I.Cro. Italia ODV;il Prof. Gianluca M. Sampietro, Primario della UO di Chirurgia Generale, specializzato in chirurgia oncologica dell’apparato digerente e malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) c/o ospedale di Rho (Milano), Presidente del Comitato Scientifico dell’Associazione M.I.Cro. Italia ODV;il Dott. Mauro Mastronardi, dirigente medico U.O.C. Gastroenterologia presso IRCCS S De Bellis Castellana Grotte – Socio Onorario del Comitato Scientifico dell’Associazione M.I.Cro. Italia ODV.

Sono intervenuti inoltre per la salute il Prof Gabriele Bianchi Porro, professore ordinario di gastroenterologia presso l’Università di Milano. Tra glia altri per due anni Presidente Europeo dell’European Association for Gastroenterologo and Endoscopy, segretario Aigo per due anni e sempre per due anni presidente Sige. Per 10 anni Editore Capo della rivista Digesrive Disease and Science; Stefania Canarecci, Presidente A.M.I.C.I.Lazio e A.M.I.C.I.Marche.

Come moderatrice Irene Di Liberto, pubblicista e scrittrice. Cura per la rivista “GPMagazine”, distribuita in Italia, Gran Bretagna e Germania una rubrica letteraria “Leggi con Irene”, ha pubblicato vari libri, il più recente è la raccolta poetica “Versi in volo”. Vive a Corciano in provincia di Perugia, ma di origine siciliana. Ambasciatrice della lingua e della cultura siciliana nel mondo. Mamma di un ragazzo di 11 anni.

 

Sempre in questo mese sono stati attivati i termoscanner di ultima generazione che l’Associazione M.I.Cro. Italia ODV ha donato a 5 Ospedali della Puglia: l’Ospedale della Murgia, San Paolo di Bari e “Di Venere” di Bari, l’IRCCS S De Bellis di Castellana Grotte e l’Ospedale “Vittorio Emanuele II” di Bisceglie.

 

In un momento storico in cui la pandemia del Covid-19 ha spazzato via molte delle nostre certezze, mettendo in ginocchio la sanità pubblica, l’Associazione M.I.Cro. Italia OdV ha voluto ancora una volta essere presente, destinando importanti sue risorse derivanti dalle donazioni del 5 x 1000, questa volta anche per i nosocomi pugliesi.

Dopo lunghi e stremanti anni di lotta sindacale ancora rimane inattuata la grande riforma dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, prevista dal D.lgs. 145/2015. Lo stesso, reca le disposizioni per la realizzazione della semplificazione delle attività ispettive in materia di lavoro e legislazione sociale, finalizzata ad evitare la sovrapposizione di interventi ispettivi al sistema economico e produttivo.

Ad oggi, la vigilanza è svolta dagli ispettori dall’ex Ministero del Lavoro, dell’Inps e dell’Inail in forma sperequativa sia sul piano economico che sul piano delle risorse strumentali, anche nelle competenze!

Infatti, come se non bastasse, ecco aprirsi il capitolo post Covid-19 che si presenta assai dibattuto sugli incarichi e competenze a carico del corpo degli Ispettori del Lavoro.

Si assiste impotenti all’inarrestabile stratificazione delle norme in antinomia conseguenza diretta di bassezze umane che pensavamo confinate nel limbo della storia italiana.

Infatti il Ministero degli Interni, e ci si chiede dove fosse il Ministero del Lavoro, emette una Circolare (sic!) ove si stabilisce che i Signori Prefetti possono avvalersi degli Ispettori del Lavoro per il monitoraggio circa il rispetto dei vari protocolli sui luoghi di lavoro per il contenimento del COVID-19.

NON SIAMO DACCORDO! E’ quanto denuncia Antonio Verri Coordinatore Territoriale FLP - ITL di Lecce e componente del Direttivo Nazionale della FLP - INL, la Federazione dei Lavoratori Pubblici.

Gli Ispettori del Lavoro della Puglia chiedono in primis un confronto con la Signora Ministra del Lavoro per chiarire il quadro normativo vigente e le competenze sulla vigilanza in materia di sicurezza sul lavoro e, successivamente con i Signori Prefetti e con i Dirigenti territoriali, prima di avviare il personale ispettivo sul fronte di guerra!!!

   Non è sufficientemente noto – spiega Verri - che la modifica del Titolo V della Costituzione italiana ha spostato le suddette competenze tecnico professionali agli SPESAL regionali e che, il personale dell’Ispettorato del Lavoro ha competenze “residuali”, per campo di applicazione e oramai per numero di ispettori tecnici (su Lecce sono solo 2), e riguardanti i controlli dei cantieri edili, ferrovie e radiazioni ionizzanti.

Ma non finisce qui. Secondo Verri, infatti, l’Ispettorato del Lavoro vergognosamente non ha nella sua organizzazione interna una struttura di VIGILANZA TECNICA IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (smantellata dalle ultima improvvide riorganizzazioni) e ora si chiede di svolgere proprio su questa materia una nuova attività ad alto rischio e senza competenze, senza formazione, senza know-how, ed in mancanza di tutte le tutele di protezione e di prevenzione normativamente previste.

I Prefetti devono preventivamente accertare che il personale ispettivo incaricato abbia gli idonei Dispositivi di Protezione Individuali in misura quantitativa e qualitativa, e a tal proposito l’ispettore deve far uso della propria autovettura che diviene un’attrezzatura da lavoro, peraltro ad uso anche della propria famiglia, che pertanto dovrà essere sottoposta a pulizia giornaliera e sanificazione periodica.

La FLP con la propria Confederazione CSE - conclude Verri - davanti a una presunta operazione di facciata del Governo, non permetterà che gli ispettori siano trattati come carne da macello e il “NON SIAMO D’ACCORDO” non sta a significare che non siamo disponibili a fare la nostra parte in questo momento difficile per il nostro Paese, ma che lo faremo sulla base delle imprescindibili condizioni di sicurezza dei lavoratori e dei cittadini nonché con la risoluzione dei conflitti normativi.

 

 

Il Cordinamento tecnico della Commissione Speciale Digitale della Conferenza delle Regioni ha predisposto un dossier sulle "Buone pratiche e soluzioni digitali per affrontare l'emergenza Covid-19".

Il monitoraggio (che sarà aggiornato periodicamente ) riporta in modo sintetico le diverse azioni intraprese (o in fase di realizzazione) in "chiave digitale" dalle Regioni e dalle Province autonome.

Il quadro sinottico è stato pubblicato sul sito www.regioni.it , nella sezione "Dossier", dove peraltro è possibile consultare i diversi monitoraggi realizzati relativi all'impegno costante delle Regioni per affronattare l'emergenza Covid-19 e per predisporre gli interventi necessari per la "fase 2".

Il quadro fornito dal Coordinamento tecnico della Commissione speciale Agenda Digitale della Conferenza delle Regioni riguarda molteplici interventi: da App e piattaforme informatiche a portali dedicati al supporto dell’emergenza; dal telesupporto psicologico a sistemi di Teleconsulto a supporto dei medici e dei presidi ospedalieri; da  servizi di supporto verso anziani fragili, ad azioni informative e di supporto alla partecipazione alle opportunità di finanziamento; dal potenziamento delle dotazioni informatiche delle scuole per didattica a distanza,  a sistemi di Televisita;  da Misure per la promozione di startup innovative a strumenti per l'e-learning; dalla Digitalizzazione processi amministrativi, alla procedura informatica per la ricezione, istruttoria e autorizzazione della Cassa integrazione in deroga; da Contact center, a Servizi online per presentazione delle domande di Sussidio a piccole imprese; dalle “Domande per bonus alimentare” ai sistemi per il contributo a sostegno dei nuclei familiari in difficoltà economica per il Covid  19. (Regioni.it 3825)

Il presidente della Regione Puglia, Michele  Emiliano, ha comunicato che oggi a seguito di un incontro in videoconferenza tra la task force regionale per l’emergenza Coronavirus e i vertici della società farmaceutica Roche, alla presenza del prof. Pier Luigi Lopalco,  è stata raccolta l’offerta  dell’amministratore delegato della società per ricevere gratuitamente il farmaco “Tocilizumab”, che ha mostrato promettenti caratteristiche di efficacia in un gruppo selezionato di pazienti con Covid-19 Coronavirus, nell’impedire la progressione della malattia verso le forme più gravi.

Nei prossimi giorni la Regione renderà noto all’azienda il fabbisogno programmato per poter mettere a disposizione il farmaco negli ospedali pugliesi.

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha inaugurato oggi il Forum Mediterraneo della Salute, a cura di Aress e in programma fino a venerdì nel nuovo centro congressi della Fiera del Levante di Bari.

 

“Stiamo cercando – ha detto Emiliano - di risalire la china nella quale la sanità del Mezzogiorno era caduta non solo per sue responsabilità ma anche per una sottocapitalizzazione del capitale umano e finanziario. Quando la sanità pugliese mi è stata affidata era in condizioni molto gravi. Oggi sta migliorando sensibilmente, lo sentirete anche dai responsabili della sanità italiana. Questo miglioramento non significa che stiamo andando ai campionati del mondo.

 

Stiamo faticando moltissimo, stiamo combattendo reparto per reparto, ristrutturazione per ristrutturazione, concorso di assunzioni di personale per concorso di assunzioni di personale. Chi osserva con obiettività sa che le cose sono in miglioramento. I pazienti hanno ancora ragione nel sollevare tantissimi problemi che attraverso tutti i sistemi possibili, perfino il mio numero di telefono, vengono esaminati quotidianamente. I pazienti mi chiamano quando si ritarda nelle prenotazioni, per le liste di attesa, si fanno consigliare, vengono dirottati verso i CORO che sono i centri di informazione oncologica, verso i direttori generali, stiamo sollecitando i CUP, centri unici di prenotazione, ad avere un atteggiamento meno burocratico perché sono i principali interlocutori dei nostri pazienti che vanno consigliati e indirizzati.

 

Insomma invito tutti a mantenere l’assetto che abbiamo dato in questi anni, invitiamo tutti a continuare il lavoro, stanno arrivando cinquemila nuove assunzioni tra medici, infermieri e operatori sanitari e questo è il risultato del piano di riordino che non ha chiuso nessun ospedale. Li abbiamo solo riclassificati in tre categorie: gli ospedali per acuti, dove vanno le emergenze, gli ospedali per cronici, dove vanno quelli che hanno delle malattie che non guariscono in fretta e quelli per i lungodegenti, quelli che hanno bisogno della riabilitazione. Ma gli ospedali che c’erano, ci sono. Quindi, basta con questa storia che li abbiamo chiusi.

Tutto questo con la costruzione di cinque nuovi ospedali: non è era mai successo che se ne costruissero tanti in Puglia contemporaneamente.

 

A Monopoli Fasano abbiamo già buttato i plinti, a Taranto abbiamo sbloccato una storia dopo quindici anni. Ad Andria, a Maglie e anche nel nord barese costruiremo nuovi grandi ospedali per acuti e stiamo investendo più di 400 milioni di euro sulla medicina del territorio, negli ospedali di comunità e invitiamo tutti i medici di famiglia, che noi vorremmo coinvolgere di più in questo sistema, a darci una mano costituendo Cpt, ospedali di comunità, perché in questa maniera potremmo soddisfare, senza passare dagli ospedali per acuti o per cronici o per lungodegenti, la domanda di salute di chi a volte ha solo bisogno di togliersi una preoccupazione, non ha una malattia e che poi sono quelli che aspettano di più nelle liste d’attesa. Capisco che per la gente che si toglie una preoccupazione facendo un esame o una visita è una cosa importante”.

Consigliere, Lei si è battuto sempre, arrivando anche allo scontro con il Presidente Emiliano, per una Sanità pugliese da rivoluzionare, Ci spiega il Suo modello di Sanità?

Dobbiamo partire da una considerazione di fondo: il SSN nasce per assicurare i livelli essenziali e uniformi di assistenza nel rispetto dei principi della dignità della persona umana, del bisogno di salute, dell'equità nell'accesso all'assistenza, della qualità delle cure e della loro appropriatezza riguardo alle specifiche esigenze, nonché dell'economicità nell'impiego delle risorse.  Per applicare questi princìpi occorre prendere atto del cambiamento della struttura demografica della popolazione pugliese e organizzare la risposta assistenziale in funzione dei bisogni emergenti della popolazione.

“Il ministero dell’Interno rende noto che il presidente Zingaretti e il prefetto di Milano Lamorgese, sentito anche il presidente Maroni, hanno fissato per domenica 4 marzo 2018 la data di svolgimento delle elezioni regionali nel Lazio e in Lombardia”.

La Conferenza delle Regioni del 14 dicembre ha espresso un parere positivo in merito alla Legge di bilancio, evidenziando ancora problematiche rispetto alle risorse necessarie per il rinnovo dei contratti nel settore sanità.

"Io guardo con interesse, rispetto e disponibilità alla discussione che si  è aperta in seguito ai referendum sul tema dell'autonomia" se possono far fare "passi in avanti sul terreno delle autonomie, e su alcune funzioni.

meteo

 

Banner I VINI DI PUGLIA
mediapresstv
PIANETA TERRA